Tunisia, viaggio tra i piatti tipici

Antipasti misti, a destra la piccantissima harissa

Soggiornando nei grandi hotel pensati soprattutto per la vacanze balneari quando è il momento di mettervi a talola trovate un po’ di tutto e questo a volte distoglie l’attenzione da uno degli aspetti culturali che ogni viaggio dovrebbe avere, quello enogastronomico.

Ecco perché vi consiglio, almeno una volta, di non pensare al vostro all inclusive, ma uscire a pranzo o a cena per gustare piatti tipici in un’atmosfera come quella che sanno offrire molti ristoranti delle medine.

Da questo punto di vista, il posto più bello dove ho mangiato è stato il ristorante Dar Bel Hadj di Tunisi.

Ristorante di Tunisi: Dar Bel Hadj

L’ambiente è importante per apprezzare al meglio i piatti della cucina tunisina dove ricopre un ruolo importante l’agnello, cotto alla brace o a fuoco lento, accompagnato da verdure e frutta secca, ingrediente quest’ultimo molto utilizzato anche nei dolci.

Cous cous di pesce

Nell’insieme è una cucina molto varia che lascia trapalare anche nei piatti, come il Paese sia un crocevia di culture, berbera, araba, cucina turca e non manca l’influsso anche della cucina italiana. Siamo nel Mediterraneo e il piatto che accomuna tutti i Paesi che vi si affacciano è il cous cous, che si trova in diverse varienti, di carne, di pesce, di verdure.

Mix di antipasti

Una delle cose che ho apprezzato di più sono stati gli antipasti, che con pochi assaggi ci hanno consentito di gustare sapori diversi, a volte anche un po’ forti.

Un cosa che non manca mia nella selezione degli antipasti è  l’insalata méchouia, tra gli ingredienti ci sono uova sode, pododori, cipolla e peperoni.

A tavola fate particolarmente attenzione all’harissa, una salsa tipica a base di peperoncino fresco, aglio e olio d’oliva. Praticamente è una sorta di pesto al peperoncino, come rivela anche il suo nome che viene dalla parola araba harasa, cioè pestare, maciullare, ridurre in un impasto. Assaggiatela con cautela per capirne il grado di piccantezza.  D’altra, la presenza di spezie, spesso piccanti, è una caratteristica della cucina tunisina.

Ottimo il  Brik, una sorta di fagottino ripieno piegato a triangolo con un cuore di uova, tonno, patate, formaggio.

Sulla costa tanto pesce


 Lungo la costa sono molto diffusi i piatti a base di pesce, cernie, orate, gamberi, calamari.

Una fantastica zuppa di pesce


Leggendo il menù a volte trovere il termine “tagine”, non chiedetevi che ingrediente sia, è semplicemente una tecnica di cottura, quella che si fa utilizzando appunnto il tagine, una particolare casseruola conica con coperchio 

Ed ecco (nella fila in alto) le tagine

 Visto il clime mediterraneo che la caratterizza, la Tunisia è anche un

Thibarine (a sn)

produttore di vini, sia bianchi che rossi.

Anche io che in genere sono più un tipo da birra ho assaggiato qua e là anche qualche bianco (mangiano sempre pesce era una scelta quasi obbligata). Ops! Mi mancano i rossi! Allora questa è una scusa per tornare in Tunisia.


L’ambiente desertico, cone le sue palme da dattero, è invece legato ad un particolare liquore il thibarine un distillato a base di datteri, una vera delizia che ho scoperto l’ultima sera al pianobar dell’Hotel di Sousse

Tunisia, viaggio tra i piatti tipiciultima modifica: 2013-07-14T12:06:00+02:00da andsimon
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento